FUNSide – Sport: Bavisela 2013… sole, mare, vento e corsa!

Il logo della Manifestazione

Il logo della Manifestazione

Ciao a tutti.

Domenica con una rappresentanza composta da Coach, Mek, Secco ed il sottoscritto il gruppo “QD6” ha partecipato alla 18esima Bavisela, la Maratonina di Trieste e sono contento dei risultati ottenuti sia dal gruppo che dai singoli; ecco infatti i tempi dei nostri corsari:

tempibavisela

Prima di parlarvi della corsa vorrei ringraziare “Paavo” Nu(r)mi e Mek per avermi accolto nel Gruppo Podistico delle Assicurazioni Generali e “scarrozzato” in gita a Trieste. Grazie ragazzi per il passaggio, ma adesso andiamo con ordine…

A Duino, arrivati con largo anticipo, ho assistito assieme a tutti gli altri partecipanti al passaggio dei top runner della maratona e sono rimasto stupito della loro “freschezza” e scioltezza nella corsa; ho pensato che io nemmeno in partenza riuscirei ad avere quella velocità…

La partenza della gara era come previsto uno “strappo” in salita che si è protratto per un chilometro abbondante e iniziare così è stato un po’ difficile soprattutto per me che soffro un po’ le partenze; come al solito Numi, Coach e Secco si sono fiondati in avanti mentre io e Mek siamo partiti tranquilli; già dopo il primo chilometro ero però in compagnia di me stesso perchè anche Mek aveva preso a correre secondo la sua andatura. Essendo la mia prima partecipazione a questa gara avevo ricevuto qualche indicazione sulla difficoltà dovuta alla parte iniziale in salita e alla parte finale in piano che avrebbe potuto rivelarsi pericolosa se durante il lunghissimo tratto in discesa avessi spinto troppo; ho deciso quindi di partire con un’andatura normale senza forzare anche perchè il sole era già alto e la temperatura si stava alzando.

Dopo il ricongiungimento con i maratoneti e la fine del tratto in salita è iniziata una discesa che ci avrebbe accompagnato per una decina di chilometri fino alla costiera vicino a Trieste; più o meno in quel momento è apparsa un’altra variabile meteorologica, il vento “simil-bora” che da una parte ci rinfrescava dal caldo del sole ma dall’altra soffiava contro e con discreta intensità si è fatto sentire fino quasi al traguardo rendendo un po’ più difficile la corsa.

Mentre correvo ero più intento ad osservare il panorama che a preoccuparmi del caldo, del vento o della altimetria; era bellissimo avere il mare all’orizzonte e in fondo la città di Trieste che si avvicinava sempre più. Già pregustavo l’arrivo in Piazza Unità d’Italia.

A metà gara ho incontrato Secco, intento a seguire l’andatura di una sconosciuta quanto interessante “lepre” che lo ha “trascinato” fino al traguardo; conoscendo però i suoi tempi mi sono stupito di quanto forte fosse partito ma si sa, lui è fatto così e si fa prendere dallo spirito della gara curandosi poco di dosare le forze: un po’ come me; dopo averlo superato ho visto Mek poco più avanti e ancora più in là il Coach che faceva la sua gara tranquillo malgrado il dolore al tallone fosse sempre in agguato.

Verso la fine della discesa ho raggiunto e superato Mek che mi ricordava però di non spingere troppo altrimenti mi sarei “schiantato” sul piano; fatto tesoro delle sue indicazioni ho “ascoltato” il mio corpo e siccome mi sentivo abbastanza bene ho lasciato andare le gambe senza spingere e così sono arrivato a Trieste abbastanza in forma per godermi il tratto finale dove mi ha ri-superato Mek per poi arrivare letteralmente tra due ali di folla all’arrivo in Piazza Unità d’Italia; un traguardo bellissimo perchè quel luogo è affascinante con i palazzi che incorniciano coccolando la piazza.

Ho tagliato il traguardo e ho subito trovato Mek e Coach arrivati qualche secondo prima; dopo pochissimo è arrivato anche Secco mentre Numi aveva preceduto tutti di qualche minuto; siamo rimasti un po’ tutti insieme a complimentarci per la prestazione, condividendo le emozioni del percorso, il calore del pubblico, la numerosa presenza e “grazia” delle podiste ma soprattutto l’accoglienza offerta da Trieste.

Dopo la doccia ed un gelato siamo ripartiti alla volta di casa, stanchi ma soddisfatti. In conclusione un’esperienza da ripetere perchè Trieste, lo ripeto ancora, è una città che merita di essere visitata oltre che “attraversata” di corsa.

Ora lascio spazio ai commenti dei miei compagni corsari e, come al solito… alla prossima.

4 pensieri su “FUNSide – Sport: Bavisela 2013… sole, mare, vento e corsa!

  1. Caro Liuc, mi ero dimenticato di rispondere …
    Sai quanto sono sincero … e quindi ti devo dire che è stata la corsa più bella che io abbia mai fatto in tutta la mia carriera da “amatore podista”
    Ho corso in tanti percorsi meraviglioso ma come la costiera del Golfo triestino … mai!
    Percorsi che possono avvicinarsi a Trieste li ho solo visti in Sardegna e sull’incrocio de i 2 mari (Ionio e Adriatico) nel Salento
    Ma qui c’è una differenza ho corso non da uno che fa del Jogging ma da amatore podista e cioè passando quella linea immaginaria che cmq lega le 2 maniere di correre ma che ti fa sentire la battaglia con il “crono” …
    Mi sono divertito un casino ma ho come sempre sudato le mie 7 proverbiali camicie, ma in questa occasione ho fatto il mio PB e sono felicissimo …
    Poi quando prima di entrare nell’ultima galleria dove poi iniziava il piano e ho visto te e Massimo in lontananza mi sono detto tra me e me … Mauri stai andando forte in quanto vi avevo presi, Vi ho salutato e stavo bene solo che dopo all’inizio del percorso pianeggiante voi avete rimacinato ritmo che io non sarei stato capace di tenere … però non ho mollato anche se la mia pianta del piede sx cominciava a farsi sentire (maledetta tendinite …) l’arrivo poi in Piazza Unità, che tralaltro conosco molto bene in quanto zone mie di lavoro, mi ha caricato … fantastico un’andrenalina così penso di averla avuta solo alla mia prima maratone e cioè Venezia …
    Và bè peccato non aver mangiato un boccone assieme, però il coach è venuto con me … da dei miei amici napoletani dove Vi assicuro si mangia una pizza stratosferica
    Adesso tocca Jesolo e speriamo riesca a mantenere il tempo conquistato a Trieste …
    Un abbraccio forte a tutto il “Gruppo delle 6” e a presto … in strada!!!!
    Il SECCO!

    Mi piace

    1. Grazie Secco per il commento quasi “commosso & commovente”.
      Come ho già scritto mi sono stupito di vederti così avanti ma mi sono altrettanto stupito di vederti al traguardo con quel tempone visto che gli acciacchi ti accompagnano da un po’ (troppo) tempo.
      In bocca al lupo per Jesolo, sperando che tu continui a togliere secondi al tuo cronometro!

      Lumino

      Mi piace

  2. Bravo Lumino, il tuo report rende benissimo la bellezza della Bavisela. E’ stata una bella gita + gara assolutamente bella, da consigliare a tutti. Per me una conferma, visto che è la terza volta che partecipo. E come le altre volte per me è stata dura arrivare in fondo, non so voi ma il tipo di percorso mi mette in crisi ogni volta. Per fortuna lo conosco e cerco sempre di non esagerare in discesa per non arrivare sul piano privo di forze. In più questa volta c’era un mix di caldo e vento, praticamente un forno ventilato e…..di conseguenza sono arrivato cotto!!!
    Alla prossima, buona serata.

    Mek

    Mi piace

    1. Hai proprio ragione Mek: un forno ventilato che se non stai attento ti cucina più o meno lentamente.
      Il più o meno dipende da quanto corri…
      Grazie ancora della compagnia e alla prossima.

      Lumino

      Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...