Categories
FUNSide Sport

FUNSide – Sport: quelli delle sei

Oggi vorrei parlarvi di “Quelli delle sei”, un gruppo podistico “spontaneo” nato casualmente circa tre anni fa e che fa della corsa un modo di vivere, per usare un inglesismo una “way of life”.

Prima di “organizzarci” ognuno di noi correva solitamente da solo o al massimo in coppia ma a qualsiasi orario, mattina o sera; siccome durante la corsa ci si incrociava spesso perchè gli itinerari sono più o meno uguali si è passati progressivamente dal classico saluto con mano alzata (meglio tenere il fiato per la corsa) poi una sosta veloce per non più di un minuto per scambiare due battute sulle ultime corse fatte e riprendere fiato fino alla corsa tutti insieme.

Siamo arrivati quindi a darci un’orario più o meno prestabilito (intorno alle sei di mattino, appunto) ed un ritrovo da dove partire per le nostre scorribande mattutine, in ogni stagione e con ogni condizione atmosferica.

Ne è venuto fuori un gruppo di sei persone (al completo) che si ritrova la mattina a correre ad un’andatura che serve ai “veloci” come ai “lenti” per tenersi in allenamento parlando di qualsiasi argomento, dalla politica ai problemi scolastici dei figli; così facendo si passa circa un’ora e quando si torna a casa si è stanchi ma altrettanto carichi per iniziare un nuovo giorno.

Vi porto il mio esempio: l’ambiente dell’azienda dove lavoravo prima di quella attuale era molto pesante e molto poco stimolante per non dire deprimente; la corsa con i miei compagni aiutava a scaricare la tensione e ad affrontare meglio le giornate in ufficio. Adesso che gli orari impediscono di allenarmi con regolarità la mattina sento che questa “ricarica” mi manca e quando posso approfitto per andare a correre e ritrovarmi con loro.

Come tutte le “bande” che si rispettino abbiamo innanzitutto un leader riconosciuto se non altro per l’età (Coach scherzo of course): Claudio “The Coach” che dispensa ogni volta un consiglio per l’allenamento, l’alimentazione, l’abbigliamento e così via…

Ognuno ha anche il proprio soprannome (Il mio è “lumino” per colpa del mio cronometro/GPS che ci mette un sacco di tempo a sintonizzarsi sui satelliti per dare poi le indicazioni sulla velocità e per questo motivo lo usiamo per fare luce d’inverno). C’è anche un motto, il famoso “Lagnançe?!” (Si legge Agnanse con la “s” sorda, significa “Lamentele!?” in dialetto veneziano)

I componenti di questa allegra brigata sono:

  • Claudio “The Coach”
  • Luca “El Cogo”
  • Marco “Caveo”
  • Massimo “Mek”
  • Mauro “Numi”
  • Luca “Lumino” (che sarei io…)

Finchè si corre non si perde occasione per scherzare, prendersi in giro e ridere un po’. Non ci sono obblighi o imposizioni; se qualche mattina si vuole dormire si “tira il pacco” e ci si ritrova la volta successiva ma sempre con lo stesso entusiasmo.

Correre la mattina poi porta via tempo solo al nostro sonno e quindi le famiglie non ne soffrono, a meno che non si sveglino perchè si fa rumore per prepararsi e non riescano più a riaddormentarsi; in quel caso quando si torna a casa sono “guai”… Scherzo, ovviamente!

Categories
FUNSide Sport

FUNSide – Sport: NBA – la finale è Dallas-Miami!

I Dallas Mavericks di Dirk Nowitzki, Shawn Marion e Jason Kidd e i Miami Heat dei “Big Three” LeBron James, Dwayne Wade e Chris Bosh sono le due finaliste del torneo NBA 2011.

Entrambe tornano a disputare una serie finale per la seconda volta nella storia della franchigia e sarà la rivincita per il titolo NBA del 2006 che vide proprio queste due incontrarsi; in quell’occasione prevalsero gli Heat ma questa volta il pronostico è apertissimo.

Si sono arrese alle finaliste – ma con onore – rispettivamente gli Oklahoma City Thunders di Kevin Durant, recente campione del mondo in Turchia e i Chicago Bulls dell’MVP di quest’anno Derrick Rose che non sono riusciti nell’impresa di portare queste due franchigie all’appuntamento con l’anello di “campioni del mondo”, come amano definirsi i vincitori del titolo.

Per ogni approfondimento vi mando al sito ufficiale NBA.

 

Categories
FUNSide Sport

FUNSide – Sport: Moonlight Half Marathon

Si è conclusa la prima edizione della Moonlight Half Marathon con un successo di pubblico ma soprattutto con la vittoria di Ruggero “Rero” Pertile, attualmente l’uomo di punta della maratona italiana.

Ruggero in azione

Pertile ha battuto al termine di un’emozionante volata in Piazza Mazzini il marocchino Issan Zaid e il keniano Mark Bett Kipkinyor, fermando il cronometro a 1h07’17”; un tempo non brillante perchè viziato da un po’ di vento contrario ma in “linea” con la temperatura della serata…

Oltre a questo terzetto sono arrivati al traguardo anche gli altri 2582 partecipanti su oltre 3000 iscritti, un numero importante per una “mezza”; tra questi anche il sottoscritto…

Con un po’ di affanno dovuto allo scarso allenamento – tanto per cambiare – e a un po’ di sovrappeso (no comment) ho concluso la mia fatica in 1h39’32” al terzo posto della speciale classifica di “quelli delle sei”, il gruppo di podisti che si ritrova alle sei di mattina per allenarsi ed è composto (oltre a me) solitamente da:

  • Claudio “The Coach”
  • Luca “El Cogo”
  • Massimo “Mac”

Ogni tanto si aggregano anche Mauro e Marco ma a questo gruppo desidero dedicare un articolo in un momento successivo.

El Cogo è arrivato primo con 1h32’38” e The Coach secondo con 1h39’18” ma io almeno ho avuto la soddisfazione di concludere gli ultimi metri accompagnato da mio figlio, una gioia.

Sabato non c’era Mac ma ha lanciato la sfida alla prossima corsa e cioè la Cortina-Dobbiaco alla quale mancherà però El Cogo.

Altre informazioni le potrete trovare al link della corsa.