Weekly Photo Challenge: Broken, but don’t move…


Broken, don't move
Paris pedestrian light

In una piovosa giornata d’agosto alcuni pedoni, non curanti del segnale rosso, si apprestavano ad attraversa una strada di Parigi.

La sfida di questa settimana ha come titolo Broken e quindi mi sono sforzato per cercare una foto che rendesse l’idea di “rotto”.

La sfida richiedeva un’interpretazione della parola attraverso qualcosa di vintage, qualcosa di non aggiustato o la classica finestra vecchia, magari con un vetro rotto.

Ho trovato molte foto veramente belle e le loro spiegazioni hanno dato aumentato l’impatto emotivo mentre altre erano troppo “standard”.

Quando scatto una fotografia ho sempre in mente due riferimenti: Roland Barthes, per lo studium e il punctum; Elliott Erwitt per strappare un sorriso all’osservatore.

Quando ho visto questa foto ho pensato che qui più o meno c’è tutto quello che cerco: lo studium (la Tour Eiffel ci ricorda che siamo a Parigi) e il punctum perché il semaforo è rotto, quindi la foto è coerente con la sfida.
Infine l’umorismo dato dalla contraddizione di un oggetto che malgrado sia “imperfetto” perché rotto, continui a funzionare: la luce rossa infatti è accesa.
Che ne dite voi? Un po’ troppo presuntuoso o forse solo visionario?
Alla prossima.

Parti, osserva, fermati, scatta, Riparti!

bCL Photography

images for a free world

Matte in fuga

Seguici e sogna con noi...

Alien Shores

Photography

Atypical Italian Traveler

A Travel Blog. No Kidding.

CLICK INVERSO

Osservare con occhi diversi #clickinverso

Teresa Barberio

Attraverso i miei occhi

Ian Stuart

La fotografia non esiste Esistono le immagini

Culture For

...entertainment, pleasure, knowledge, future...

wwayne

Just another WordPress.com site

holidays4pets

Le vacanze per il tuo amico

Photoblog ~nu doar fotografie

timpul trece cum vrea el...

Italia, io ci sono.

Diamo il giusto peso alla nostra Cultura!

Amù

Art Moves the World

Chetelocucinoafare!

Pappa per tutti

YONA PHOT©

Street photography, Travel Photography, Exploration Photography

Perla di Etiopia

C’è un solo viaggio possibile: quello che facciamo nel nostro mondo interiore. Non credo che si possa viaggiare di più nel nostro pianeta. Così come non credo che si viaggi per tornare. L’uomo non può tornare mai allo stesso punto da cui è partito, perché, nel frattempo, lui stesso è cambiato. Da sé stessi non si può fuggire. Andrej Tarkovskij, Tempo di viaggio

vitallariaperta

Just another WordPress.com site

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 133 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: