Sibenik - 2 | Basket on the beach

Il mio BSEC – 7 | Basket, Sempre e Comunque, seconda versione


Ciao a tutti.

Tanto tempo fa, in una galassia lontana… No, questo è l’inizio di Star Wars. Ricomincio.

Verso la fine del 2012 pubblicai un post con alcune immagini di canestri raccolte in giro a dimostrazione che si può giocare a basket in qualsiasi situazione, intitolato “Basket Sempre e Comunque”

Oggi pubblico un altro “trittico” di fotografie che il mio compagno corsaro Mek mi ha inviato dalla “Ex” Jugoslavia; lo considero una continuazione di questa ricerca sui canestri ed è per questo che l’ho chiamata “seconda versione” de “Il mio BS&C”.

Due foto provengono da Sebenico, o Sibenik, patria dell’indimenticato Drazen Petrovic, soprannominato “Il Mozart dei canestri” o “il Diavolo di Sebenico”. Un grandissimo giocatore prematuramente scomparso in un incidente stradale quando era all’apice della carriera tra i professionisti dell’NBA.

La terza invece proviene da un monastero all’interno dell’isola di Krca, a testimonianza che il basket in Jugoslavia è una religione…

Mek ha detto che le foto non sono “niente di che” ma per me invece, per dirla “alla Barthes”, il loro “punctum” è “centrato” e le foto sono anche belle.

Grazie a Mek per questo contributo che ha una valore doppio perché oltre ad aiutarmi nella crescita del blog mi aiuta a riprendere la scrittura che in questa momento “soffre” d’ispirazione.

Alla prossima

 

 

Parti, osserva, fermati, scatta, Riparti!

Culture For

...entertainment, pleasure, knowledge, future...

wwayne

Just another WordPress.com site

holidays4pets

Le vacanze per il tuo amico

Photoblog ~nu doar fotografie

timpul trece cum vrea el...

Italia, io ci sono.

Diamo il giusto peso alla nostra Cultura!

Amù

Art Moves the World

Chetelocucinoafare!

Pappa per tutti

YONA PHOT©

Street photography, Travel Photography, Exploration Photography

Perla di Etiopia

C’è un solo viaggio possibile: quello che facciamo nel nostro mondo interiore. Non credo che si possa viaggiare di più nel nostro pianeta. Così come non credo che si viaggi per tornare. L’uomo non può tornare mai allo stesso punto da cui è partito, perché, nel frattempo, lui stesso è cambiato. Da sé stessi non si può fuggire. Andrej Tarkovskij, Tempo di viaggio

vitallariaperta

Just another WordPress.com site

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 88 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: